A mezzanotte scocca l’ora del DopoFestival: edizione 2010 all’insegna del videoclip

A mezzanotte scocca l'ora del DopoFestival: edizione 2010 all'insegna del videoclip

Anche quest’anno a Palazzo Gradari, a mezzanotte scocca l’ora del DopoFestival, la rassegna di videoarte curata da Antonio Pezzuto che, a partire oggi, 22 giugno, si concentrerà sul linguaggio del videoclip. A sfilare sullo schermo saranno le opere realizzate da artisti come Luca T. Mai, musicista degli “Zu”, i “Postodellefragole” - tra i più quotati registi italiani di videoclip - e il giovane filmmaker indipendente Riccardo Ponis, che si cimenta con le varie forme del cinema.

Tra i nomi più interessanti della scena del videoclip ci saranno inoltre Goldiechiari, due eclettiche artiste romane conosciute in tutto il mondo grazie alle loro installazioni, opere fotografiche e di video arte, che nel 2008 sono state in mostra a Pesaro.

Giovedì 24 giugno sarà a Pesaro Jacopo Rondinelli, per presentare in anteprima assoluta l’ultimo lavoro dei “Frigidaire Tango”, storico gruppo della scena rock degli anni ’80 che ritorna finalmente con un brano inedito. E poi ancora Nico Angiuli, artista barese che ultimamente ha esposto alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino e Bennet Pimpinella, artigiano dell’immagine che elabora manualmente la pellicola fotogramma per fotogramma, autore, tra gli altri, del video Domino e Romborama dei Bloody Beetroots, band elettronica d’avanguardia italiana.

“Non c’è certo bisogno di mostrare dei videoclip per comprendere la loro importanza nella cultura dell’immagine. Sono ormai tantissimi anni che la loro forza dirompente si è imposta nel panorama contemporaneo, invadendo dapprima le televisioni – con programmi, nottate e canali interamente dedicati - contaminando lo stile degli interi palinsesti e poi approdando nella rete, dove ha dato letteralmente vita ad alcune delle più stravolgenti innovazioni, a partire da You Tube, presentate negli ultimi anni. Un universo, quello del videoclip, nel quale convivono le esperienze visive più estreme e le immagini più banali, imposte dall’ego dei cantanti o dalle intuizioni delle case editrici musicali”, ha sottolineato il curatore del DopoFestival Antonio Pezzuto.

Accanto ai videoclip, la ormai consolidata collaborazione con il Festival di Signes de Nuit, manifestazione parigina di creazione audiovisiva e cinematografica, che anche quest’anno porta a Pesaro una selezione delle proprie scelte, tra cui Bohème di Werner Herzog.

Il Dopofestival, giunto alla sua quarta edizione, sarà in programma dal 22 al 24 giugno nella consueta location di Palazzo Gradari.

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)