Carlo Lizzani

Carlo Lizzani

Affrontare l’opera di Carlo Lizzani vuol dire fare i conti con la storia del cinema e la storia d’Italia degli ultimi settant’anni. La sua longevità artistica e la sua poliedricità fanno del suo cinema un serbatoio enorme di temi possibili, tanti fili rossi attraverso cui analizzare le tipologie, le fonti, i modelli produttivi, le dinamiche industriali e culturali del film. Il suo è un eclettismo intellettuale atipico nel cinema italiano. La sua versatilità gli permette di affrontare tutti i gangli della macchina-cinema: i festival, la critica, la teoria, la politica militante e quella culturale. Il rapporto tra cinema e Storia, quello tra cinema e letteratura, quello con la televisione, il metalinguaggio, i generi, il gender, il lavoro di mise en scène e quello con gli attori, sono alcuni dei molti approcci con cui lo si può analizzare.
Il suo lungo percorso “attraverso il novecento” (com’è intitolata una sua raccolta di scritti) permette di fotografare uno spaccato d’Italia dal ventennio fascista all’era del postmoderno, dalla pellicola al digitale. Ma quel che preme di più a questo libro è sdoganere il cinema di Lizzani da certi pre-giudizi critici: quelli che lo hanno spesso confinato – forse proprio per il suo “eclettismo” - al ruolo di bravo professionista e operatore culturale di talento, ma alla fin fine non di Autore. E invece l’intento del volume – e della retrospettiva ad esso legata - è quello di una vasta rilettura analitica del suo cinema, non basata soltanto sull’ideologia e sulla storia, ma anche sul suo stile personale, sulle sue doti creative e sul suo universo narrativo.

Post correlati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)