CODA

CODA

Un montaggio fatto materialmente con le code di scarto, i pezzi di pellicola posizionati all’inizio e alla fine del rullo che riportano in genere informazioni utili al proiezionista. Fulvio Baglivi lavora con frammenti in 35m, 16mm e 8mm per mostrare «le possibilità di rapporto fisico con la pellicola, la sua resistenza e la sua fragilità». Presentato in anteprima al Torino Film Festival 2014 nella sezione Italiana.Corti.

Post correlati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)