DISPOSITIVI

DISPOSITIVI

FILM STENOPEICO (L’UOMO SENZA MACCHINA DA PRESA)
Pinhole-film (The Man Without A Movie Camera)
(1973-1981-1989, 13’06”, 16mm, b/n e colore)

Questo film, come dice il titolo vertoviano, è stato eseguito senza macchina da presa, più precisamente con un utensile autoprogettato per restituire immagini liberate dall’ottica e dalla meccanica. Il sostituirsi alla cinepresa tradizionale fa parte di un mio ormai prolungato gesto verso la spoliazione di una tecnologia di consumo, tossico della creatività pura.

FILMFINISH
(1986-1989, 12’27”, 16mm, b/n)

Questo film è costruito con la tecnica di ripresa del cosiddetto fotofinish attuato nelle gare sportive. Lo stesso principio è applicato – appunto – alla cinecamera. I soggetti sono esplorati e autoesplorati da una sottile fessura sistemata orizzontalmente a metà del riquadrofotogramma di entrata della cinecamera stessa […]. I ritmi cinetici del film variano su accelerazioni e decelerazioni imposte fuori sincrono tra cinepresa e soggetti.

TRACCE DI TRACCE
Traces Of Traces
(1969, 6’56”, 16mm, b/n e colore)

Eseguito e stampato a due mani, vale a dire: fatto uso di tutte le impronte possibili della mano e del braccio destro su inchiostro di pennarello fresco, carta vetrata, timbri, ecc. Il tutto su pellicola bianca non emulsionata.

SOMMOVIMENTI
Extremotions
(2009, 7’30”, 16mm, b/n)

Questa sorta di proto-film nato per essere fotografia, ho fatto sì che trasmigrasse – con uno scorrimento orizzontale tipico del fotofinish – in un film, tradendo la sua naturale verticalità.

VOLTO TELATO
Face: Canvas: Texture
(2002, 2’52”, DVD, b/n)

Questo video parte da una idea di trasferire in film tutte le immagini fotografiche realizzate con la cosiddetta tecnica del fotofinish. In attesa di completarlo, ho ripreso a passo-uno con camera digitale i volti e le loro trasformazioni subite con il fotofinish trasferendole, per poi agitarle in animazione in un’unica sequenza, dentro il computer.

COMMUTAZIONI CON MUTAZIONE
Commutations With Mutation
(1969, 6’35”, 16mm, b/n, col.)

Composto da formati di tre nature diverse e fatti coesistere: Super8, 16mm e 35mm in un unico supporto originario 16mm, bianco. Le misure diverse hanno fatto sì che le loro interlinee primitive venissero a contatto e regolate (e con loro le immagini) da un unico ritmo diabolico.

FIGURE INSTABILI NELLA VEGETAZIONE
Unstable Figures Amidst Vegetation
(1973, 6’45”, 16mm, b/n)

Trattasi di un accumulo di figure semi-stroboscopiche a tratti sotterranee all’occhio che dimorano nella corteccia che l’uomo ha nella sommità del cervello. La natura, le persone sono compresse e perturbate da forme geometriche che lottano stroboscopicamente tra di loro come esseri piatti ma trasparenti che le penetrano, le contraggono in movimenti congiunti al centro dello schermo e fluidità ai suoi lati. Il compulsare risveglia le figure in due vite diverse speculari e non nel loro passo-uno diretto, incessante.

Post correlati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rassegna stampa 2019

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)