Eldorado Road

DUE LADRI (UNO SOTTO IL LETTO, L’ALTRO SOTTO LA SCRIVANIA) HANNO ISPIRATO ELDORADO ROAD:
SARA’ DISTRIBUITO IN ITALIA A FINE AGOSTO

Pesaro 28 giugno. In anteprima italiana, ieri sera è stato proposto al pubblico della Piazza il film in Concorso Eldorado, del regista belga Bouli Lanners, dopo la presentazione alla recente “Quinzaine des Realisateurs” a Cannes, dove si è aggiudicato il “Premio Europa Cinema” per il miglior film della Quinzaine, il premio FIPRESCI attribuito dalla critica internazionale e il “Regards Jeunes” (ricevuto dai Ministeri Francesi della Sanità e della Gioventù, Sport e Vita associativa).

Eldorado racconta la storia di un insolito incontro tra due personaggi, Yvan e Elie, entrambi soli e alle prese con un’esistenza senza stimoli né obiettivi. Il primo è un quarantenne adirato con se stesso e con il mondo che si guadagna da vivere vendendo auto d’epoca, l’altro è un ragazzo fragile alle prese con la droga, che si introduce nell’abitazione di Yvan con l’intendo di derubarlo. La sofferenza comune di entrambi e la trascuratezza con la quale hanno vissuto le proprie relazioni, li spingerà ad intraprendere un viaggio che si rivelerà bizzarro e ricco di risvolti imprevedibili, nel quale – racconta il regista “ho voluto mescolare momenti infinitamente tristi con situazioni infinitamente stupide e divertenti per creare un film dai toni agrodolci”.

“L’idea della pellicola” – spiega Lanners chiamato a raccontare la sua esperienza – “prende spunto da un fatto realmente accaduto. Una notte sono tornato a casa e ho trovato due ladri: uno era nascosto sotto il mio letto, l’altro sotto la scrivania. Una situazione assurda: tre persone spaventate e una lunga notte a parlare”, racconta, spiegando come “da questi aneddoti, poi trasformati e approfonditi” sia potuto partire per costruire una storia “di finzione che mescola vita reale e momenti di fantasia”.

In questo suo lungometraggio - l’ultimo di una lunga serie di film di produzione belga e francese - Lanners è doppiamente impegnato: davanti e dietro la macchina da presa. Il regista dichiara di essersi trovato – su esortazione del produttore Jacques-Henri Bronckart- ad interpretare il ruolo di Yvan, “perché mi somigliava molto. E’ stata un’esperienza folle” – dichiara – “perché non era facile giudicare la qualità del lavoro degli altri ritrovandomi costantemente a guardarmi sullo schermo, in pantaloncini o in slip nel mezzo di un fiume. Grazie al meraviglioso cast e alla troupe” – conclude – “è stata un’importante e fondamentale lezione di umiltà”.

Eldorado sarà distribuito in Italia da Archibald Enterprise Film, a partire dal 29 agosto.

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)