Entry Form - "SATELLITE - Visioni per il cinema futuro"

Scadenza 15 aprile 2016

Con l’edizione 2016 la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema inaugura una nuova sezione, panoramica e non competitiva, che vuole scavare e restituire la superficie reale, complessa, imperfetta e indefinita, della produzione audiovisiva italiana a bassissimo budget, extra-industriale.
Non necessariamente giovanissimi, non necessariamente opere prime, non necessariamente inediti. Quello che ci interessa non è l’anteprima o l’esclusiva sul mercato dei festival, piuttosto arrivare a mostrare quello che altri spesso non mostrano solo perché non rientra nelle categorie imposte da un concorso, da un formato, da una durata, da una modalità produttiva.
Uno spazio aperto, si diceva una volta. Uno spazio per opere disomogenee.
In questo momento il nuovo cinema, in Italia come all’estero, ha bisogno di aperture, ascolto, spazio per essere visto, prima di tutto, e discusso, anche nei suoi difetti, in un luogo fisico di incontro, al di fuori da quello che è ormai diventato il suo habitat virtuale: il web.
La Mostra Internazionale del Nuovo Cinema intende creare un territorio vivo, libero, uno spazio di confronto e non di giudizio.
Ci interessano dunque gli esordi assoluti di giovani e giovanissimi, i corti e i lunghissimi, i fuori formato di tutti gli autori/autrici, gli esperimenti in tutte le loro declinazioni (narrativi, documentari, animati, poetici, saggistici, diaristici), le produzioni per il web, le forme ibride ed espanse.
Ne sono passati a Pesaro nella sua lunga storia. Più di recente sotto l’etichetta Fuori Norma, in verità sempre rappresentativi di una tale varietà e ricchezza da imporsi come la vera norma, la quotidianità della produzione audiovisiva e cinematografica di questi anni. Il cinema prima del cinema. O dopo il cinema. O più semplicemente fuori dal cinema.
Una sezione che vuole essere un corpo a corpo con tutto quello che viene prodotto, perché solo con il coraggio e la pazienza di guardare, solo con una militanza che intende mettersi al fianco dei filmmaker, solo con una ricerca comune, possiamo cominciare a immaginare un cinema (italiano) del futuro.
Le regole sono dunque quasi nessuna regola. Solo due condizioni:
1. L’anno di produzione NON deve essere precedente al 2014;
2. I lavori devono essere realizzati da autori/autrici o produzioni italiani o situati in Italia.

E poi, qualsiasi formato di ripresa e di proiezione. Qualsiasi durata. Qualsiasi forma narrativa o non-narrativa. E vorremmo guardare e discutere anche i work in progress, le opere che non hanno ancora trovato una loro forma definitiva, se gli autori/autrici vorranno sottoporceli.
Crediamo che solo l’insieme, il processo di visione e selezione, il quadro che sapremo definire, la costruzione del programma e del percorso, la proiezione in presenza dell’autore/autrice, la discussione che ne seguirà e il confronto che sapremo stimolare, potrà (o almeno cercherà di) rendere conto della complessità e delle inaspettate forme del cinema che sta per germogliare. Di cui andiamo alla ricerca.
Per tentativi, frammenti ed errori.
Perché alle certezze della retorica preferiamo sempre le incertezze della realtà.


Documenti allegati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rassegna stampa 2016

  • 3 agosto 2016
  • 3 agosto 2016
  • 3 agosto 2016
  • 18 luglio 2016
  • 18 luglio 2016
  • 18 luglio 2016
Tutta la Rassegna stampa 2016

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival
)
Designed by Humpty-Dumpty