L’America progressista

PER UPTON SINCLAIR, JOHN DOS PASSOS, SACCO E VANZETTI , ELIZABETH CADY STANTON, MALCOM X…
L’AMERICA PROGRESSISTA IN UN DOCUMENTARIO (CHE LASCIA) SENZA PAROLE

Pesaro, 22 giugno. È un road-movie atipico, Profit Motive and the Whispering Wind: un viaggio negli Stati Uniti d’America, ma attraverso i suoi cimiteri, la memoria del paesaggio, i segni storici che lo puntellano. Un’antologia di lapidi, cenotafi, monumenti funebri, targhe commemorative; sfilano le tombe degli scrittori Upton Sinclair (da un suo libro There Will Be Blood di Paul Thomas Anderson) e di John Dos Passos, che fu tra i più strenui difensori degli anarchici Sacco e Vanzetti. Il film è dedicato anche a loro, come a Elizabeth Cady Stanton, Malcom X, e tanti nomi spesso dimenticati: una riflessione visiva sulla Nascita di una Nazione progressista, la topografia di un Paese che si batte – e muore – per conquistare o difendere i diritti civili.

Per il regista John Gianvito, che a quest’ambizioso progetto on the road ha dedicato tre anni della propria vita, il viaggio è stato soprattutto “un modo per approfondire la conoscenza di questa storia, ma anche per rendere questo passato tangibile. E persino vivo, forse in senso ironico dal momento che la maggior parte del tempo è stata spesa sulle tombe”.

Ispirato al volume A People’s History of United States, dello storico e politologo Howard Zinn, Profit Motive and the Whispering Wind è un documentario lirico e poetico, che rifiuta la facile soluzione della voce fuori campo per affidarsi alla sola forza delle immagini e delle parole impresse negli epitaffi: una scelta stilistica radicale che è valsa al film molti premi in giro per il mondo.

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)