Les Ogres di Léa Fehner, il film vincitore del 52_Pesaro Film Festival, esce nelle sale italiane.

Les Ogres di Léa Fehner, il film vincitore del 52_Pesaro Film Festival, esce nelle sale italiane.

Esce oggi, giovedì 26 gennaio 2017, nelle sale italiane Les Ogres di Léa Fehner, il film che alla scorsa 52a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema ha vinto sia il Premio Lino Miccichè del Concorso Pesaro Nuovo Cinema che il Premio del Pubblico. Il film è stato acquistato per l’Italia, dopo la presentazione al Pesaro Film Festival, da Cineclub Distribuzione Internazionale con cui la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema ha stretto un accordo di collaborazione distributiva sia per l’uscita di Les Ogres che per futuri film presentati nel concorso pesarese. La Mostra Internazionale del Nuovo Cinema è particolarmente lieta di questa collaborazione dal momento che la politica distributiva di Cineclub Distribuzione Internazionale è quella di presentare i film in versione originale con i sottotitoli italiani.
Qui di seguito pubblichiamo il comunicato stampa dell’uscita del film:

FILM (E REGISTI) CAPACI DI REGALARCI FORTI EMOZIONI DA GIOVEDI 26 GENNAIO, LES OGRES DI LÉA FEHNER ARRIVA NELLE SALE: IL PICCOLO TOUR DI INCONTRI CON IL PUBBLICO E INCONTRI/MASTERCLASS CON STUDENTI DI CINEMA

GLI SPETTATORI DEI CENTRI DOVE NON ESCE IL FILM NELLE SALE REALI, AVRANNO LA POSSIBILITÀ DI VEDERLO IN STREAMING SU www.cinemaf.net
Ci sono ancora film (e registi) capaci di regalarci forti emozioni e di rivelare particolari intimi del proprio vissuto: arriva nelle sale il 26 gennaio, in versione originale sottotitolata (come da politica distributiva - e culturale - di Cineclub Internazionale Distribuzione) Les Ogres della regista francese Léa Fehner, sull’umanità e la vita colorata degli artisti del teatro errante, vincitore del premio del pubblico “Big Screen” al Festival di Rotterdam. In Italia, alla 52. Mostra del nuovo cinema di Pesaro, ha vinto sia il premio del pubblico (votato dagli spettatori presenti alle proiezioni delle serate in piazza) sia il premio Lino Miccichè per il miglior film del Concorso Pesaro Nuovo Cinema, assegnato da una giuria di studenti provenienti dai corsi di cinema di varie Università italiane, guidata da Roberto Andò, con la seguente motivazione: “Per raccontare con efficacia le molteplici sfumature della vita, che prendono forma nella rappresentazione di un variopinto microcosmo; per la sua narrazione acrobatica e dinamica che avvolge lo spettatore in un girotondo di note, colori ed emozioni; per l’incisività dei dialoghi che restituiscono la malinconia dell’esistenza; per farsi specchio sognante dell’essenza artistica della natura umana”.
Les Ogres è inoltre candidato nelle categorie "miglior film”, “miglior regia”, “migliore sceneggiatura” ai prestigiosi premi Lumières assegnati, a fine gennaio, ai migliori artisti del cinema francese e francofono dai giornalisti stranieri di stanza a Parigi.
Il film è stato presentato a Roma, alla presenza della regista Lèa Fenher, che farà un piccolo tour di incontri con il pubblico e incontri/masterclass con studenti di cinema:
24 gennaio: Roma Istituto, Francese: ore 18.30: proiezione in “anteprima”;
25 gennaio: Roma, Apollo 11: ore 19: incontro con gli studenti della Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volonté e dell’ Università degli Studi Roma Tre; a seguire (ore 20.45): proiezione in “anteprima”, aperta al pubblico;
26 gennaio: Milano, ore 20.30: proiezione - "prima" - al cinema Beltrade;
27 gennaio: Brescia, ore 20.30: proiezione al cinema Nuovo Eden.
Les Ogres arriva nelle sale grazie a Cineclub Internazionale Distribuzione, che , a cominciare da questo lungometraggio, ha stretto un accordo con il portale www.cinemaf.net: solo gli spettatori dei centri dove non esce il film nelle sale fisiche, avranno la possibilità di vederlo in streaming in contemporanea all’uscita nelle sale cinematografiche. Sarà così possibile per gli appassionati vedere i film in contemporanea alla loro permanenza nelle sale cinematografiche reali o recuperarli.
Le sale “reali” in cui sarà programmato dal 2 febbraio ( proseguimento e new entry):
Milano, Beltrade, proseguimento
Roma, Apollo 11, proseguimento
Torino,Esedra, proseguimento
Padova,Lux, proseguimento
Perugia, Postmodernissimo, proseguimento
Catania, Multisala Paradiso, proseguimento
Firenze, Spazio Alfieri, NEW
Bologna, Orione
Pescara, Massimo, NEW
Fermo, Sala degli artisti, NEW

PROGRAMMAZIONI SUCCESSIVE GIA’ CONCORDATE:
MILANO, OBERDAN
MANTOVA, Cinema del carbone
PARMA, EDISON
MARANO VICENTINO, CAMPANA
DOLO, ITALIA
CARMAGNOLA, ELIOS
CAMPOBASSO, ALPHAVILLE
LES OGRES, la storia
Quelli della compagnia Davaï Théâtre - una turbolenta tribù di artisti nella quale il lavoro, i legami familiari, l’amore e l’amicizia si mescolano con veemenza, scavalcando i confini tra la finzione del palcoscenico e la vita reale - vanno di città in città, con una tenda in spalla e il loro spettacolo a tracolla. E mettono in scena Cechov.
Nelle nostre vite portano il sogno e il disordine. Sono degli orchi, dei giganti e ne hanno mangiato di teatro e di chilometri…
Ma l’imminente arrivo di un bambino e il ritorno di un ex amante faranno rivivere le ferite che si pensava fossero ormai dimenticate.
E allora… che la festa cominci!
L’entusiasmante colonna sonora del film, composta da Philippe Cataix, contiene anche 24 mila baci di Adriano Celentano.
Nel cast spiccano interpreti già conosciuti come Adèle Haenel (The Fighters-_ Addestramento di vita, La ragazza senza nome ), la catalana Lola Dueñas (Mare dentro; Parla con lei), Marc Barbé e i familiari della regista: il padre François, la madre Marion Bouvarel e la sorella Inès:http://www.telerama.fr/cinema/les-ogres-dans-la-famille-fehner-le-pere-chef-de-troupe-et-militant,139647.php
“Lavorare con i miei familiari è stato importante ma anche un azzardo” ha spiegato la regista a Roma, “a volte sembrava una comune. Alcuni della compagnia sono appunto miei parenti, mentre gli altri li ho scelti in base ai caratteri che volevo rappresentare. Tutto questo per poter cogliere un misto di ricordi d’infanzia e mantenere, con una certa fedeltà, quel soffio di vita che i miei genitori hanno creato".
Sulla scelta poi di utilizzare 24mila baci, di Adriano Celentano, all’interno della colonna sonora firmata Philippe Cataix: “è una canzone che mi piace molto e poi su un film che parla d’amore per il teatro, per il mondo e per le cose, un solo bacio non bastava".
"Non voglio nulla davvero ed è un’esigenza; non essere nulla davvero è forse una fortuna". Queste parole di una canzone originale scritta per il film riassumono bene lo spirito di libertà sfrenata di quest’opera, e più ancora della vita dell’artista nomade in genere; un mondo che la regista conosce bene perché ha passato l’infanzia nel teatro itinerante fondato dal padre François Fehner che ha nel film il ruolo del “titolare” (ma anche capo comico, regista e attore) del Davaï Théâtre, una troupe di una manciata di artisti in tournée nelle città della Francia.
Léa Fehner è nata a Tolosa. Ha studiato sceneggiatura alla Fémis, laureandosi con lode. Il suo progetto finale di studio, nel 2006, è stato il copione di Qu’un seul tienne et les autres suivront, girato poi nel 2008: il film è stato presentato alle Giornate degli Autori di Venezia e ha vinto il premio Louis Delluc come opera prima. Con il suo secondo lungometraggio - Les ogres – conferma il suo talento nel portare sullo schermo gli aspetti più umani dei personaggi rendendo la storia emozionante, mai scontata.
Il film è già uscito in Francia con un buon successo di pubblico e di critica. Scrive “Les inrocks”: “Un po’ Renoir, un po’ Pialat, un po’ Cassavetes, un po’ Kechiche, un po’ Fellini e soprattutto molto (Lea) Fehner”.
Qui materiali stampa:
http://www.mimmomorabito.it/film_uscita_2017/LESOGRES/LesOgres.html


In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)