Love Hotel a Tokyo

LOVE HOTEL A TOKIO

Pesaro 25 giugno. Ieri, nell’ambito del Concorso, la Mostra ha presentato Asyl – Park and Love Hotel del giapponese Izuru Kumasaka. Come suggerisce già il titolo, le location principali del film sono: un albergo ad ore – dove si incontrano persone adulte per soddisfare le proprie voglie – e un parco, ricavato sul tetto dello stesso hotel – frequentato da bambini e pensionati del vicinato. “Un luogo tipico, il love hotel, della cultura giapponese”, spiega il regista, presente in sala dopo la visione del film. La proprietaria dell’hotel è Tsuyako. Dopo la morte del marito, la sua solitaria esistenza viene ravvivata dalla presenza di tre donne: la tredicenne Mika, la casalinga Tsuki e Marika. “Con il silenzioso aiuto di Tsuyako ognuna di loro riuscirà a trovare nuovamente la forza per andare avanti” - aggiunge il regista - “sebbene sorrida raramente, accoglie nel suo cuore il profondo dolore delle persone”.

Izuru Kumasaka (classe 1975), dopo la laurea in letteratura inglese e americana alla Rikko University, matura l’esperienza di grafico, prima di realizzare due cortometraggi indipendenti. Con Coffee and Milk (corto del 2004) ottiene un grande successo che gli procura il finanziamento (destinato ai nuovi talenti della cinematografia giapponese dal PIA Film Festival di Tokyo) per la produzione di Asyl: il film, selezionato quest’anno alla 58a Berlinale, vince il premio per la miglior opera prima.

Nei progetti futuri, Izuru dichiara di “voler cambiare registro stilistico: abbandonare i toni seri per muoversi in quelli della commedia”.

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)