MA COME HANNO FATTO I MARINAI PER DIFENDERE IL LORO LAVORO?

"La nostra quarantena" di Peter Marcias chiude con successo l’edizione 50+1

Pesaro 27 giugno 2015. Dopo la premiazione, il film La nostra quarantena ha chiuso l’edizione 50+1 della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, presentato in Piazza del Popolo dal regista Peter Marcias e dall’attore protagonista Moisè Curia.

Il film, sceneggiato da Gianni Loy, racconta la storia di Maria (Francesca Neri), docente dell’università di Roma, che affida a un suo studente, Salvatore (Moisè Curia), una ricerca sulla vicenda cagliaritana di quindici marinai marocchini entrati in sciopero per la difesa del posto di lavoro. Loro rinunciano volontariamente alla loro libertà nella speranza di conservare il lavoro, di recuperare i salari arretrati. La nave è la loro casa temporanea, dove dormono, mangiano, pregano, rispettano il Ramadan. Un’esperienza non solo di studio ma anche di vita che porterà il ragazzo a interrogarsi sul proprio futuro. Sospeso tra precarietà e smarrimento, avvertirà come un senso di confusione che lo spingerà ad immaginare di lasciare l’Italia. Un futuro incerto tanto quanto quello dei marinai. Tutti vittime di una “volontaria” quarantena.

In mattinata è stata organizzata a Palazzo Gradari una conferenza stampa durante la quale Peter Marcias ha raccontato la genesi del suo ultimo lavoro: “E’ nato per caso. Ero a Cagliari per girare uno spot pubblicitario poi leggendo i giornali locali ho scoperto questa storia che coinvolgeva 15 marinai marocchini e mi ha colpito la situazione del porto blindato e dell’associazione Stella Maris che si è subito attivata per collaborare”.
Il gruppo di marinai stava vivendo una situazione assurda e drammatica: “Era da maggio del 2013 che non ricevevano lo stipendio. A questo abbiamo voluto aggiungere la vicenda della situazione italiana dei giovani. Abbiamo iniziato una indagine più approfondita, una ricerca che è diventata sociologica e specchio del quadro italiano dei nostri tempi”. Come già era successo in altre sue opere, il regista intreccia documentario e fiction, in un mix armonioso: “Inizialmente volevo fare solo un documentario, un’opera sincera: mi incuriosiva questo sciopero anomalo, questi uomini bloccati in una nave, in un porto non loro, il tutto in modo molto pacifico e interagendo con le associazioni locali”.

Molto soddisfatto dell’esperienza anche l’attore protagonista Moisè Curia, star della fortunata serie tv Braccialetti rossi: “Mi interessava lavorare in un’opera dove primeggia lo stile documentario insieme alla fiction. E’ stato molto bello. Peter poi mi ha indirizzato bene a interpretare il mio personaggio. Io nel film sono un ragazzo che va a studiare un fenomeno e poi si interroga sullo stesso, perché capisce che c’è qualcos’altro dietro: sogni, desideri, attesa del futuro”.

Marcias parla anche del perché ha scelto la Neri (purtroppo assente per motivi personali) per il personaggio dell’insegnante: “Ho pensato a lei perché incarna la grande attrice e la grande bellezza. Nel film è una insegnante cinquantenne. Sul set ha dispensato consigli importanti a tutti e si è subito appassionata alla storia dei marinai. Il film è studiato in ogni parola e un’attrice esperta come lei era fondamentale per la riuscita del lavoro>.

Curia - che ha annunciato che sarà ancora tra i protagonisti della terza serie di Braccialetti rossi – ha solo elogi per la sua collega, la quale è stata un vero e proprio valore aggiunto al film: “Avevo incontrato la Neri in occasione di un festival, speravo di potere lavorare con lei perché è un mostro sacro del nostro cinema. Io ho 24 anni e lei mi ha messo a mio agio subito, per un giovane attore come me lei è un esempio, bastava guardarla per imparare”.

Il film è stato prodotto da Capetown Film in collaborazione con Fondazione Anna Ruggiu, con il patrocinio di Sardegna Solidale e il sostegno di Fondazione Sardegna Film Commission, La nostra quarantena, dopo la prima a Pesaro, avrà l’anteprima sarda al Festival di Tavolara il 19 luglio, per poi uscire nelle sale italiane a settembre distribuito da CinecittàLuce.


In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rassegna stampa 2016

  • 3 agosto 2016
  • 3 agosto 2016
  • 3 agosto 2016
  • 18 luglio 2016
  • 18 luglio 2016
  • 18 luglio 2016
Tutta la Rassegna stampa 2016

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival
)
Designed by Humpty-Dumpty