MAGOG [O EPIFANIA DEL BARBAGIANNI]

MAGOG [O EPIFANIA DEL BARBAGIANNI]

Alla presenza del regista


La pianura padana come luogo dell’assurdo. Groviglio incestuoso di stratificazioni archi- tettoniche e fallimenti edilizi. Palme, vuoti urbani, pieni urbani e palme al neon. Piscine montate in cinque giorni. Villaggi neogotici ricostruiti. Villette su villette. Cumuli di ulivi e abusi decorativi. Rivestimenti infiniti su altri materiali di cui ci si vergogna... MAGOG nasce da un’osservazione sensibile del paesaggio e della società contemporanea. Due ele- menti che si compenetrano e dei quali il film ci restituisce immagini e suoni – apparente- mente non in sincrono – come specchio e manifestazione della natura umana.

Post correlati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)