Pesaro Film Fest: gli Highlights della 46/a edizione

Pesaro Film Fest: gli Highlights della 46/a edizione

NOUVELLES VAGUES A MOSCA: IL NUOVO CINEMA RUSSO
OSPITE D’ONORE DEL FESTIVAL.

IL 24° EVENTO SPECIALE È DEDICATO A CARLO LIZZANI.

AL 46. PESARO FILM FEST SI PARLA DI CINEMA ITALIANO
E DEI SUOI TEMPI D’ORO CON BERNARDO BERTOLUCCI.

NELLA SEZIONE BANDE À PART, BUDRUS, IL FILM “CASO” DI
JULIA BACHA, IN CUI ISRAELIANI E PALESTINESI ABBATTONO
SIMBOLICAMENTE IL MURO CHE LI DIVIDE,
LA NUOVA OPERA DI SHARUNAS BARTAS (EASTERN DRIFT),
IL DOCUMENTARIO DI DANIELE VICARI E ANDREA DE SICA
FOSCHIA PESCI AFRICA SONNO NAUSEA FANTASIA E
TILDA SWINTON, PROTAGONISTA DI UN VIAGGIO IN BICICLETTA
LUNGO UN ALTRO MURO, QUELLO DI BERLINO.

IN “PIAZZA” ARRIVANO KSENIA RAPPOPORT CON YURI’S DAY E
IL FILM RUSSO CHE HA TRIONFATO ALLA BERLINALE
HOW I ENDED THIS SUMMER.

TRA I FILM IN CONCORSO L’AVVENTURA BIOGRAFICA
MANGA DI MIYOKO.


• Il concorso, il cui premio è dedicato alla memoria di Lino Micciché, fondatore e storico direttore del festival, presenta sei opere provenienti da tutto il mondo (Messico, Germania, Corea del Sud, Argentina, Russia e Giappone).

• L’ospite d’onore del festival è il Cinema Russo Contemporaneo, salito alla ribalta internazionale negli ultimi anni con prestigiossi riconoscimenti nei maggiori festival (Berlino, Venezia, Roma). Con una retrospettiva ricca come mai prima – realizzata con la collaborazione di Alena Shumakova e Olha Strada – il festival andrà alla scoperta della generazione dei cineasti trenta-quarantenni che hanno segnato la rinascita del cinema russo nell’era post-sovietica a partire dal 2003, quando uscirono i due film-faro “Roads to Koktebel” di Khlebnikov e Popogrebsky e “Il ritorno” di Zvyagintsev. Tra gli oltre 20 film proposti (a cui si aggiungono un evento speciale dedicato al collettivo AES + F, un programma di videoarte e tre dedicati al movimento underground “Cine Fantom”) sarà possibile seguire i percorsi paralleli dedicati alle sottosezioni “Sguardi Femminili” (i numerosi film firmati da donne negli ultimi anni) e l’Omaggio Koktebel, che celebra la casa di produzione russa indipendente.

• L’evento speciale, organizzato con la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia, è dedicato a Carlo Lizzani, eclettico autore di circa 60 film con cui ha tratteggiato un affresco dell’Italia – e del suo cinema – dagli anni del fascismo a quelli della televisione. Lizzani sarà omaggiato con una retrospettiva completa, la pubblicazione di un libro monografico (Marsilio), una mostra fotografica, una lunga videointervista a cura di Vito Zagarrio e la tradizionale tavola rotonda. Pesaro ospiterà inoltre in anteprima assoluta il suo nuovo film “Il mio Novecento”, opera di montaggio con cui il regista ripercorre, in una straordinaria rilettura metacinematografica, il ricco repertorio di temi, generi e modelli produttivi con cui ha raccontato l’Italia.

• La sezione non competitiva Bande à Part attraverserà, come di consueto, i confini tra fiction e documentario esplorando i nuovi territori della sperimentazione e offrendo una prospettiva illuminante su alcune questioni politiche scottanti grazie a Sharunas Bartas, Cynthia Beatt (con Tilda Swinton), Julya Bacha, Daniele Vicari e Andrea De Sica, Pascal Hoffman e Benny Jaberg, Jeon Soo-il, Hitoshi Matsumoto, Jean-Gabriel Périot, Dustin Thompson e Pablo Stoll.

Cinema in Piazza accoglierà anche quest’anno nello scenario di Piazza del Popolo una selezione di opere provenienti da tutte le sezioni del festival, compreso l’evento speciale dedicato a Carlo Lizzani, di cui verrà proiettata la copia restaurata dalla Cineteca Nazionale di “La vita agra”. Per dimostrare che il grande cinema, quello “nuovo” e quello che ha fatto la storia, piace anche al grande pubblico.

• Giunge alla quarta edizione il Premio Amnesty International, che segnalerà il cinema più attento alla difesa e alla promozione dei diritti umani.

• Si conferma anche lo spazio anticonvenzionale del DopoFestival, un’incursione nelle nuove frontiere dell’audiovisivo, tra cinema e arte, quest’anno dedicato al linguaggio del videoclip.

• La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro ospiterà, domencia 27 giugno, Bernardo Bertolucci, che riceverà il premio Pesaro Nuovo Cinema e parlerà con il pubblico della stagione d’oro del cinema italiano. Quegli anni ’60 in cui intraprese un fruttuoso sodalizio personale e creativo con Gianni Amico, a cui il festival rende omaggio a 20 anni dalla sua scomparsa con la proiezione di “Tropici” e la testimonianza dello stesso Bertolucci.

• AVANFESTIVAL (20 giugno 2010)

• PESARO A ROMA (1-4 luglio 2010)


Documenti allegati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)