Philippe Cote

Philippe Cote

Philippe Cote vive e lavora a Parigi. Ha realizzato più di venti film a partire dal 1998, girati in Super8 e mo- strati in festival e rassegne in Francia e in altri paesi. Ha curato programmi di cinema sperimentale e fa parte del comitato di selezione del Festival International des Cinémas Différents et Expérimentaux di Parigi. È membro della cooperativa ETNA, laboratorio di sviluppo ci- nematografico artigianale e autogestito fondato nel 1997.

Cineasta dallo sguardo sensibile e radicale, ha lavorato all’inizio sui temi del corpo, della materia, della luce e del colore con tecniche che vanno dal cinema senza cinepresa alla pittura su pellicola. A partire dal 2005 la sua ricerca si è orientata verso un approccio poetico e contemplativo al cinema documentario e al film di viaggio.

https://philippecote.wordpress.com/


PROGRAMMA/PROGRAM

L’angle du monde (2006, 32’, Super8, bianco e nero e colore, muto)
Il film nasce dal desiderio di rivolgere la cinepresa verso paesaggi, spazi, persone, di lasciarsi sorprendere e stu- pire. Le metamorfosi della luce, dell’acqua, della terra, del cielo e dell’umano. Omaggio a una corrente di ci- nema delle isole e ai suoi autori: Powell, Flaherty, Epstein.

Des nuages aux fêlures de la terre (2007, 18’, Super8, bianco e nero e colore, muto)
Terra e cielo si mescolano nelle loro condensazioni pietrose e nuvolose. Le nuvole in perpetua trasformazione. L’immobilità della contemplazione invita a un’avventura dello sguardo.

Le chemin de glaces (2013, 22’, Super8, bianco e nero e colore, muto)
A piedi, in battello e in treno, dalla città di New York verso gli spazi innevati e ghiacciati, lontano in direzione del grande nord, in una progressione verso il bianco.

Post correlati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)