Programma 23 giugno

Al Teatro sperimentale vengono presentati a partire dalle ore 11:00 i corti della Tel Aviv University Film and TV Department (TAU), che ha formato negli anni un’intera generazione di cineasti ed è rinomato per il suo impatto determinante sull’industria televisiva e cinematografica israeliana. Tre i cortometraggi presentati: After di Eytan Fox (Israele 1990, 45’, 35mm, colore), Zohar di Yasmine Novak (Israele 2007, 30’, dvcam, colore) e Layla Afeld/Dark Night (Israele 2005, 30’, 35mm, colore) di Lenoid Prudovsky.

Alle 12:45 nel cortile di Palazzo Gradari ci sarà la conferenza stampa del film La pivellina/Non è ancora domani, che ha inaugurato ieri sera il concorso del Nuovo Cinema di Pesaro, alla presenza della regista Tizza Covi, degli attori Patrizia Gerardi e Tairo Caroli e del distributore italiano del film Franco Zuliani (Officine UBU).
A seguire, alle ore 13,15 ci sarà la presentazione della Rassegna Internazionale Cortometraggi (Baia Flaminia).

Prosegue al Teatro Sperimentale l’omaggio al grande regista francese Raphaël Nadjari con la presentazione alle ore 15:00 del film Avanim, che racconta la storia di Michale, trentenne di Tel Aviv, sposata con figlio, che cerca ogni giorno di conciliare i suoi impegni professionali, la famiglia e la relazione con il suo amante. Un attentato terroristico le sconvolgerà la vita.

A seguire un altro film della retrospettiva dedicata al Cinema israeliano Contemporaneo: Yaldei Ha’Shemesh (Children of the Sun) di Ran Tal, un documentario realizzato con filmati professionali e personali nel quale il regista ricostruisce l’esperimento fantastico e doloroso al tempo stesso del kibbutzim i cui membri provavano la vita collettiva cercando di rivoluzionare i cardini della società..

Continua sempre al Teatro sperimentale l’omaggio a Paolo Gioli, di cui viene presentato alle ore 19:00, alla presenza del curatore della rassegna Giacomo Daniele Fragapane, Omaggi/Riletture che comprende quattro suoi lavori: Immagini travolte dalla ruota di Duchamp (1994, 13’03”, 16mm, b/n), Metamorfoso (1991, 12’48”, 16mm, b/n), Finestra davanti a un albero (1989, 12’34”, 16mm, b/n) e Filmarilyn (1992, 11’12”, 16mm, b/n).

La programmazione del Teatro Sperimentale si chiuderà alle ore 23:15 con il film Shiva (Les sept jours) di Ronit & Shlomi Elkabetz, altro titolo della retrospettiva sul Cinema israeliano Contemporaneo.
Israele 1991. La famiglia Ohaion piange la morte di un congiunto. Rispettosi della tradizione, i parenti si riuniscono nella casa del defunto per la veglia funebre che deve durare sette giorni. Presto il conflitto prende il sopravvento e la convivenza diventa insostenibile.

Si inaugura alle ore 21:15 in Piazza del popolo con Film ist. a girl & a gun di Gustav Deutsch la seconda edizione di Bande à part, la sezione Fuori Concorso della Mostra di Pesaro, in cui dall’anno scorso si cerca di “valorizzare” proposte video, documentarie e sperimentali oltre ad alcuni film particolarmente originali o di montaggio e ad altri lavori di non fiction che approfondiscono questioni socio-politiche di rilievo internazionale.
Film ist. a girl & a gun è un documentario con immagini degli albori del cinema trovate attraverso minuziose ricerche in archivi di tutto il mondo e assemblate in sequenze. Il montaggio si basa su analogie visive e anche con la giustapposizione di generi: immagini documentaristiche, di finzione, pornografiche, scientifiche e di propaganda, tutte alienate dal contesto d’origine.

A seguire, alla presenza del regista, il secondo film in concorso della Mostra di Pesaro dal titolo El Arbòl, esordio di Carlos Serrano Azcona.

Seconda giornata al cinema Astra per il 23° Evento speciale dedicato al maestro Alberto Lattuada (1914-2005), con la proiezione alle ore 9:30 di Giacomo l’idealista e a seguire La freccia nel fianco, Scuola elementare, Mafioso, Luci del varietà e Anna.

Dopo il concerto di Fucili/Dominici/Gari Trio in collaborazione con il Fano Jazz by the sea 2009 che ieri ne ha inaugurato la nuova edizione, entra stasera nel vivo il DopoFestival, la sezione speciale della Mostra di Pesaro che si svolge in notturna a Palazzo Gradari a cura di Antonio Pezzuto, dedicata a forme alternative dell’immagine in movimento.
A partire dalle ore 24:00 a Palazzo Gradari il Dopo Festival, dopo il cortometraggio italiano Luna Zero di Antonello Matarazzo, spazierà dalla Germania con Greetings di Niklas Goldbach alla Svizzera con Cheyenne di Alexander Meyer.


Documenti allegati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)