Programma 25 giugno 2009

A partire dalle ore 10:30 al Teatro Sperimentale si terrà l’attesa tavola rotonda sul Cinema Israeliano Contemporaneo alla quale saranno presenti i registi Maya Zack, Danny Lerner, Michale Boganim, Raphaël Nadjari, Ran Slavin, i curatori della retrospettiva sul Cinema Israeliano Contemporaneo Maurizio G.De Bonis e Ariel Schweitzer, il professor David Meghnagi e il giornalista Umberto De Giovannangeli.
La tavola rotonda sarà preceduta dalla proiezione del cortometraggio di Maya Zack Mother Economy che segue le azioni di una casalinga all’interno di una casa durante il nazismo.

Doppio appuntamento con il concorso della Mostra di Pesaro: al Teatro Sperimentale verrà proiettato alle ore 16:00 il quarto film del concorso Medicine for Melancholy di Barry Jenkins, mentre la sera in Piazza del Popolo (tempo permettendo) sarà presentato il quinto film del concorso Kara Köpekler Havlarken (Black Dogs Barking) di Mehmet Bahadir Er & Maryna Gorbach, l’atteso film turco sulla mafia di Istanbul.

Prosegue la retrospettiva sul Cinema Israeliano Contemporaneo con altri due film al Teatro Sperimentale: alle ore 15:00 Karov la’bait (Close To Home) di Dalia Hager & Vidi Bilu e alle ore 21:15 Yamim Kfuim (Frozen Days) di Danny Lerner, alla presenza del regista.

Al Teatro Sperimentale alle ore 18:00 per la sezione Bande à part scende in campo l’Italia con Vietato sognare di Barbara Cupisti, nuovo documentario della regista-attrice viareggina, che sarà presente in sala per introdurre il film

Appuntamento notturno con la retrospettiva dedicata a Paolo Gioli di cui a partire dalle ore 23:15 il Teatro Sperimentale propone Visioni notturne che comprende: Traumatografo (1973, 26’05”, 16mm, b/n), Farfallio (1993, 7’45”, 16mm, b/n), Interlinea (2008, 5’12”, 16mm, colore) e Quando la pellicola è calda (1974, 20’30”, 16mm, b/n).

Al cinema Astra prosegue l’omaggio a Lattuada con la proiezione a partire dalle ore 9:30 del film Alberto Lattuada, l’architetto delle stelle, documentario di Donatella Baglivo, e a seguire i film di Lattuada Don Giovanni in Sicilia, Venga a prendere il caffè… da noi, Sono stato io, La lupa, Gli italiani si voltano e Guendalina.

Nuovo appuntamento a Palazzo Gradari a partire da mezzanotte con il Dopofestival che propone la rassegna Equilibri soggettivi – Il segno che comprende: Crunchy Love di Elena Arzuffi (Italia, 2008, 5’ 7”), Autoritratto (1) di Matteo Fato (Italia, 2006, 4’ 35”), Autoritratto di Mariana Ferratto (Italia, 2006, 6’ 28”), The Choice di Paola Luciani (Italia, 2009, 3’ 22”), King Kong at the End of the World di Federico Solmi (Italia, 2005, 4’) e Corto Circuito di Bruno Di Lecce (Italia, 2007, 4’).


Documenti allegati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)