REALITY’S INVISIBLE

REALITY'S INVISIBLE

Fulton riconfigura in modo radicalmente non lineare i dibattiti fra gli studenti e gli artisti che insegnavano al Carpenter Center di Harvard, strutturando il film come un flusso insostenibilmente rapido di suoni e immagini. Utilizza così, al fine di trasmettere le molteplici attività e idee che venivano generate a Harvard angolazioni oblique, movimenti di macchina saccadici, riprese a passo uno, sovrapposizioni dinamiche, elaborate tecniche di rifotografia, animazione disegnata direttamente sui fotogrammi e molti altri mezzi ancora.

Post correlati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)