SALÒ O LE 120 GIORNATE DI SODOMA

SALÒ O LE 120 GIORNATE DI SODOMA

Durante gli ultimi giorni del regime fascista, quattro uomini di potere (il Duca, il Monsignore, l’Eccellenza e il Presidente) fanno rapire un gruppo di ragazzi e ragazze: li rinchiudono in una villa e per 120 giorni disporranno di loro a proprio piacimento, sottoponendoli a violenze e torture. Proiettato per la prima volta dopo la morte di Pasolini e subito attaccato dalla censura.

“Ciò che colpisce, ciò che fa effetto in Salò, è la lettera. Pasolini infatti ha filmato le sue scene alla ‘lettera’. [...] Far mangiare gli escrementi? Far uscire un occhio dall’orbita? Mettere gli aghi nel cibo? Si vede tutto [...] come si dice, nulla vi sarà risparmiato. A questo punto di rigore, non è più il mondo tratteggiato da Pasolini a essere messo a nudo, ma il nostro sguardo”.
Roland Barthes, Le Monde, 16 giugno 1976

Post correlati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)