Tutti i premi della 46/a Mostra: Premio PNC a "Eighteen", il pubblico sceglie "Travelling With Pets"

Tutti i premi della 46/a Mostra: Premio PNC a "Eighteen", il pubblico sceglie "Travelling With Pets"

I PREMI

CONCORSO PESARO NUOVO CINEMA 2010 – PREMIO LINO MICCICHÈ

Sei i film in gara nel Concorso Pesaro Nuovo Cinema – Premio Lino Miccichè, la sezione competitiva (con un premio di seimila euro) istituita sei anni fa. A decretare il vincitore, una giuria composta dall’attrice Ksenia Rappoport – vincitrice del David di Donatello con La sconosciuta di Giuseppe Tornatore e della Coppa Volpi della Mostra del Cinema di Venezia con La doppia ora di Giuseppe Capotondi - dal regista Marco Risi – regista, tra gli altri, di Mery per Sempre (1989), Il Muro di Gomma (1991) e del recente Fortapàsc, e dal giornalista, critico cinematografico e conservatore della Cineteca Nazionale Enrico Magrelli.

FILM VINCITORE: EIGHTEEN di JANG KUN-JAE
(Corea del Sud, 2009, 95’, HD, colore)

MOTIVAZIONE:
Con il suo debutto nel lungometraggio il giovane regista coreano Jang Kun-jae trasforma una pagina privata della sua formazione sentimentale in un racconto fresco, piacevole e sincero fino alla spudoratezza. Il dolore, la malinconia, l’impotenza di una piccola catastrofe amorosa è narrata con la vertigine affettuosa di un tempo svanito ma non cancellato dalla sua memoria. Per i due protagonisti della storia, interpretata con trasporto e misura dai due attori, avere 18 anni è la più lacerante delle stagioni della vita. Il primo atto di un passato che non vuole passare.m Un passato dal quale ci si può allontanare grazie alla terapia del cinema.


PREMIO DEL PUBBLICO

Votato dagli spettatori delle proiezioni in Piazza del Popolo:

TRAVELLING WITH PETS di Vera Storozheva


PREMIO “PESARO CINEMA GIOVANE”

La giuria giovani, composta da studenti e neo laureati dell’Università di Urbino “Carlo Bo”, ha assegnato il premio a :

KISLOROD / OXYGEN di Ivan Vyrypayev

MOTIVAZIONE:
Nel film prendono vita, con un ritmo vivace ed a tratti alienante, punti di vista opposti ed allo stesso tempo convergenti di un uomo ed una donna, che cercano di dare ossigeno, senso alle proprie esistenze. La novità è palpabile nel convulso esercizio stilistico che tiene sulle spine lo spettatore, grazie ad un’eccellente fotografia, ad effetti di alto livello creativo, alla musica immaginifica che accompagna tutto il film, enfatizzando il contenuto ricco di spunti di riflessione sulla società post-moderna. Violentemente esplicito, quasi sovversivo, Oxygen parte da religiosi precetti universali per stravolgerli e rivisitarli, attraverso un’ottima interpretazione del cast, nel sapiente collage di attualità trasversale e stereotipi della cultura e della società russa.

La giuria giovani, inoltre, ha voluto dare una MENZIONE SPECIALE a

MIYOKO di Yoshifumi Tsubota

per aver rappresentato, con maestria narrativa e grafica, la labilità del confine tra realtà e fantasia e per aver proposto, con acutezza estetica ed una poesia dal sapore orientale, il rapporto ossessivo tra l’artista ed il suo oggetto del desiderio. Affascinante e toccante, infine, è la sensibilità con cui viene messo in scena il convulso tentativo, da parte dell’artista Abe, di cristallizzare il tempo su autobiografici fumetti.

PREMIO AMNESTY ITALIA 2010, CINEMA E DIRITTI UMANI

La Giuria composta da Isabella Aguilar, Alberto Negri, Riccardo Noury e Daniele Vicari e presieduta da Serafino Murri, ha assegnato il “Premio Amnesty Italia – Cinema e Diritti Umani” ex-aequo a:

PLENNYY / CAPTIVE di Aleksey Uchitel

“Per la singolare capacità espressiva con cui ha saputo raccontare il conflitto della Cecenia mettendo a nudo il pretestuoso infantilismo del pregiudizio etnico-religioso, ponendo l’accento sull’insensata e purtroppo necessaria brutalità della guerra, e soprattutto, per aver descritto con grande forza drammatica e introspettiva la condizione della prigionia in tutta la sua disumana assurdità”.

e a

BUDRUS di Julia Bacha

“Per aver raccontato con coraggio e obiettività l’esemplare battaglia congiunta degli attivisti palestinesi e israeliani contro la costruzione del Muro nei Territori Palestinesi Occupati, fornendo un ritratto umano e profondo dei protagonisti, e descrivendo le ragioni delle parti in causa a tutto tondo e senza pregiudizi, contribuendo in tal modo a una prospettiva di speranza nella risoluzione del conflitto”.

VINCITORI CONCORSO VIDEO L’ATTIMO FUGGENTE 2010

La giuria del concorso L’ATTIMO FUGGENTE, riservato agli studenti di tutte le scuole marchigiane (per video a tema libero della durata massima di 3 minuti), composta dai giornalisti Alberto Pancrazi (RAI), Paolo Angeletti (“Il Resto del Carlino”), Claudio Salvi (“Il Messaggero”), Mauro Rossi (“Il Pesaro”), da Gualtiero De Santi (critico cinematografico, saggista e docente universitario) e da Fiorangelo Pucci (direttore del “Fano International Film Festival”), quest’anno ha premiato i seguenti film:

Primo premio (assegnato all’unanimità):
OGNI COSA È ILLUMINATA di Alessandra Bucchi, dell’Istituto d’Arte Scuola del Libro di Urbino

Secondo premio:
LA RICERCA DELLA SERENITÀ di Diego Capomagi, dell’Accademia di Belle Arti di Macerata

Terzo premio:
SACRA CONVERSAZIONE N. 1 – 5 VIZI CAPITALI di Giovanni Piscaglia, di Pesaro, studente dell’Istituto Europeo di Design

Il Concorso video L’ATTIMO FUGGENTE è organizzato dalla Fondazione Pesaro Nuovo Cinema ed è curato da Pierpaolo Loffreda.

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)