Un maialino rosa indonesiano

UN MAIALINO ROSA COME METAFORA DELL’INDONESIA D’OGGI
BABI BUTA YANG INGIN TERBANG DI EDWIN PRESENTATO NELLA SEZIONE BAND A PART

Pesaro, 27 giugno. È stato presentato ieri sera nella sezione Bande à part il film indonesiano Babi Buta Yang Ingin Terbang (Blind Pig Who Wants to Fly) di Edwin, brillante e coraggioso film corale già vincitore del premio FIPRESCI allo scorso Festival di Rotterdam.
Cinque storie che si sfiorano e si intrecciano, ciascuna introdotta da una didascalia che fa da titolo, senza seguire un’unica linea narrativa.
Linda e Cahyono si incontrano e riaccendono la loro amicizia. Halim dice a Verawati che vuole una nuova moglie. Salma appare nello show Planet Idol. Romi e Yahya si danno a nuove pratiche sessuali. Opa muore e Linda sparge le ceneri insieme a Cahyono che ha iniziato finalmente ad alzare lo sguardo.

Babi Buta Yang Ingin Terbang è una originalissima commedia che mescola omosessualità, conversioni religiose e reality show nel tentativo di sovvertire le regole ed evidenziare le numerose contraddizioni di un Paese come l’Indonesia.
Il maiale del titolo è la metafora che il regista Edwin sceglie per indicare la condizione dei protagonisti delle sue storie, tutti costretti a guardare in basso, impossibilitati a sollevare gli occhi e quindi a camminare a testa alta all’interno della società.

Queste le parole del regista: “Babi Buta Yang Ingin Terbang racconta di speranze che non possono mai realizzarsi. La speranza di non essere un maiale cieco che vuole volare. La speranza di non essere un cinese in Indonesia. Dietro queste storie c’è la ricerca dell’identità”.

 


Documenti allegati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)