Volchok

Volchok

Una madre e una figlia. Senza nomi. Costantemente in fuga. Una madre che vorrebbe cominciare una nuova vita liberandosi della figlia. Una figlia indesiderata e non amata, ma che non può vivere senza la madre. Una corsa senza fine, piena di errori e simile alla rotazione impazzita di una trottola (“wolfy” in russo), l’unico giocattolo che la figlia abbia mai avuto e l’unica cosa che la leghi alla madre. Un giorno, però, la corsa avrà fine. “Spero che la storia dica al pubblico qualcosa di nuovo sull’amore e sulla sua assenza, sul Male e sulle loro stesse anime”. (Vasili Sigarev)

Vasili Sigarev - Biografia
Nato nel 1977 negli Urali Centrali, Vasilij Sigarev ha studiato scienze dell’educazione prima di seguire i corsi di drammaturgia di Nikolay Kolyada. Nel 2002 è salito alla ribalta internazionale grazie allo spettacolo Plasticine, rappresentato al London’s Royal Court Theatre e vincitore del Charles Wintour Prize for Most Promising Playwright. Dal 2003 ha scritto circa venti opere teatrali, che sono state messe in scena in numerosi teatri in Russia e all’estero. Wolfy, trasposizione cinematografica di uno dei suoi stessi spettacoli, è il suo debutto alla regia, con il quale ha ottenuto il premio prinicipale del Kinotavr Festival di Sochi nel 2009.

Post correlati

In questa sezione

FACEBOOK

TWITTER

Ultime News

Comunicati stampa

Rimaniamo in contatto

Resta aggiornato su tutte le iniziative del Pesaro Film Festival

SPONSOR

)